Rally, un omaggio all’isola e alle sue eccellenze

La Rivera del corallo sarà per il sesto anno l’epicentro di un evento straordinario dal punto di vista sportivo. Tutta l’isola si tiene stretta un’occasione di promozione davvero unica.

Rally Italia Sardegna sarà un omaggio alla Sardegna, un riflettore puntato sulle sue risorse naturali, gastronomiche, storiche e culturali, una vetrina su un’isola che punta a “farsi un nome” nel mercato turistico internazionale. A meno di una settimana dal via ufficiale, è l’auspicio dell’Automobile Club d’Italia, che organizza la tappa italiana del World Rally Championship con Aci Sport, il supporto operativo di Aci Sassari, il sostegno economico della Regione Sardegna, la collaborazione di Comune di Alghero e Fondazione Alghero e numerose partnership pubbliche e private. Ris2019 andrà in scena dal 13 al 16 giugno. Lo scorso anno questa straordinaria occasione di visibilità planetaria ha generato una ricaduta economica per l’isola di 20milioni di euro: al di là degli eccellenti motivi agonistici, Rally Italia Sardegna è un patrimonio sui cui la Regione e diverse istituzioni regionali e territoriali investono decisamente, perché gli sport motoristici dimostrano di poter rappresentare una grandissima risorsa per le velleità turistiche della Sardegna anche nei mesi che fanno da spalla alla stagione balneare.

La Rivera del corallo sarà per il sesto anno l’epicentro di un evento straordinario dal punto di vista sportivo, che porterà nell’isola i migliori piloti del circuito mondiale e le case automobilistiche più titolate. Ma al di là degli aspetti agonistici, mentre Alghero si prepara già da questi giorni a trasformarsi in un grande paddock a cielo aperto, tutta l’isola si tiene stretta un’occasione di promozione davvero unica. Rally Italia Sardegna è la ottava prova del mondiale ed è valida anche per il WRC2Pro, il WRC2, il JWRC, il Campionato Italiano, il Campionato Italiano Terra e il Campionato Italiano Junior.

Al via 92 equipaggi e 22 Nazioni rappresentate: Argentina, Austria, Belgio, Svizzera, Cechia, Germania, Spagna, Estonia, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Giappone, Lettonia, Norvegia, Polonia, Paraguay, Romania, Russia, Svezia e Stati Uniti, a testimonianza del grande palcoscenico che rappresenta per l’isola, la cui immagine sarà diffusa nel mondo intero. Un’opportunità soprattutto per Alghero, che ospiterà il quartier generale, il parco assistenza e la sala stampa della manifestazione, e tutto il Nord Sardegna, dove si svolgeranno le prove speciali tra panorami mozzafiato.

Il grande circo motoristico è l’epicentro di una vera e propria azione di marketing basata su una programmazione di eventi in grado di promuovere la Sardegna e le sue diverse anime. Un obiettivo possibile grazie alla televisione. Andranno in diretta su RaiSport la prova superspeciale di Ittiri, dalle 19.08 alle 19.54, le prove speciali di Coiluna-Loelle sabato mattina e domenica 15 giugno, e le due Sassari-Argentiera di domenica mattina 16 giugno.

Il format studiato da WrcTv e offerto alle centinaia di telvisioni che hanno acquisito i diritti – per l’Italia RAI – prevede un magazine che andrà in onda diversi minuti prima e dopo le gare e alcuni highlights quotidiani. Per offrire uno spaccato di Sardegna anche agli addetti ai lavori e agli appassionati che invaderanno Alghero per una settimana, tornerà anche la “Fiera del gusto”: lungo la rambla centrale della passeggiata Garibaldi i prodotti tipici sardi incontreranno specialità e street food proveniente da tutto il mondo.

8 giugno 2019