Aspa Awards: a Carmen Sigillo il “Premio Sponsor”

Svelate tutte le opere finaliste e la vincitrice del premio sponsor dell’Alghero Street Photography Awards, il Festival Internazionale della Fotografia di Strada e d’Autore promosso e organizzato ad Alghero dall'associazione culturale “Officine di Idee”. Appuntamento dal 26 aprile al Teatro Civico

Con la pubblicazione di tutte le opere finaliste dell’ASPA 2019 parte il conto alla rovescia per il via ufficiale alla seconda edizione dell’Alghero Street Photography Awards, il Festival Internazionale della Fotografia di Strada e d’Autore promosso e organizzato dall’associazione culturale “Officine di Idee” con la collaborazione di istituzioni, associazioni e partner privati. Svelato anche il vincitore del “Premio Sponsor”, selezionato tra i 40 semifinalisti di tutte le categorie in concorso: Il progetto che ha avuto il punteggio più alto è stato “Displaced by Palm Oil: Indonesia`s last Orangutans” di Sandra Hoyn, tuttavia la fotografa non potrà essere ad Alghero per la premiazione, pertanto l’ambito riconoscimento è stato assegnato, come da regolamento, a Carmen Sigillo col suo progetto “Born IN Italy”. Mauro Fabbri per Il Fotografo, insieme con il vicesindaco e assessore alla cultura della città di Alghero, Gabriella Esposito, e alcuni membri di Fujifilm Italia hanno selezionato il progetto realizzato a Castel Volturno, città sulla costa Domiziana poco a Nord di Napoli.

A lei andrà la possibilità di realizzare un lavoro autoriale nello splendido scenario di Alghero, in Sardegna, con un corredo fotografico “Fujifilm” di ultima generazione e il suo progetto sarà in seguito pubblicato sulla prestigiosa rivista “Digital Camera”. Fervono i preparativi intanto per il festival che avrà da cornice la splendida città di Alghero e si aprirà venerdì 26 aprile 2019 con la serata di premiazione presso il Teatro Civico. Proseguirà con un calendario pensato per accontentare un pubblico eterogeneo, alternando momenti di formazione per professionisti, incontri di riflessione, mostre e installazioni urbane presso l’ex mercato ortofrutticolo dove saranno esposte tutte le opere vincitrici. Tutti i dettagli e le gallery delle opere finaliste su www.aspawards.com .

“Born IN Italy” di Carmen Sigillo (Premio Sponsor ASPA2019).
Castel Volturno, città sulla costa Domiziana poco a Nord di Napoli, è un’area ricca di bellezze naturali e gastronomiche, ma è nota soprattutto per le sue ferite: il massacro di otto Africani da parte della mafia casalese, nel 2008, ed un vasto complesso di palazzine e ville per vacanze illegalmente costruite, che ora sono parzialmente abbandonate. La grossa disponbilità immobiliare e lo scarso controllo istituzionale del territorio sono da molti anni i principali attrattori per gente indigente che cerca un posto dove vivere. A Castel Volturno il 40% della popolazione è rappresentata da immigrati. Qui, un ex campione di pallacanestro, Massimo Antonelli, decise, nel 2016, di avviare una leva gratuita di basket dedicata ai figli degli stranieri, la “Tam Tam Basket”.  Ben presto si trovò involontariamente al centro di un feroce dibattito politico su cosa significhi essere italiani. Ai giocatori adolescenti della squadra Tam Tam, infatti, fu negato il diritto di competere contro altre squadre nel campionato regionale perché i loro genitori sono immigrati e, in quanto tali, considerati stranieri agli occhi della legge, seppure nati in Italia. In Italia, infatti, non vige lo ius soli per cui questi ragazzi acquistano la cittadinanza, dopo lunghe trafile, al raggiungimento del 18° anno di età. Tuttavia, la tenacia di coach Antonelli e dei suoi atleti è stata premiata con l’introduzione da parte del governo italiano, nel dicembre del 2017, della cosiddetta norma “salva Tam Tam” (sotto il governo Gentiloni e grazie all’allora ministro dello sport Luca Lotti ed al deputato del PD Michele Anzaldi). La norma ha una portata rivoluzionaria perché sancisce lo ius soli sportivo, consentendo a tutti i figli di stranieri che vivono in Italia di praticare sport senza limitazioni (circa 800.000 ragazzi). Castel Volturno ha vinto un’importante battaglia che ha coinvolto in modo positivo l’intera nazione.

9 aprile 2019