Papà dimentica la figlia in auto, ma se ne accorge in treno e chiama la polizia

La storia è quella di Joe Murphy, padre due figli, che aveva parcheggiato il suo veicolo alla fermata North Quincy T, a Quincy, negli Sati Uniti d'America

Una voce rotta dal pianto: “Ho dimenticato mia figlia in macchina”. Una frase ripetuta da un uomo più volte al 911, il numero per le emergenze negli Stati Uniti d’America. La storia è quella di Joe Murphy, padre due figli, che aveva parcheggiato il suo veicolo alla fermata North Quincy T, a Quincy, Massachusetts, per prendere un treno verso Cambridge per lavoro. Dopo aver lasciato il primo figlio a scuola, avrebbe dovuto fare la stessa cosa con il secondo. Ma se ne è dimenticato. E’ così sceso dal convoglio, circa 45 minuti dopo, e solo allora si è reso conto di essersi scordato la piccola di un anno in auto, nel suo Suv. Immediata la chiamata alla moglie e alla polizia.

La telefonata è concitata: “Ho dimenticato mia figlia di un anno nel Suv – comunica ai soccorsi – Sto tornando indietro”. L’uomo è subito tornato indietro con un altro treno. Nel frattempo la piccolina è stata raggiunta anche dai soccorritori che l’hanno trovata in buone condizioni nonostante i 35 rimasti chiusi in auto. Non appena l’ha vista il padre è scoppiato a piangere. Una tragedia sfiorata. Purtroppo così non è stato per il caso del bimbo dimenticato dal padre in auto a Piacenza due anni fa. Il piccolo Luca era rimasto in auto per otto ore. Quando era stato soccorso, la temperatura del suo corpo è di circa 40 gradi.

Tratto da www.fanpage.it ©

B.C., 16 maggio 2015