Giornalismo, donne e sport: 100° Giro d’Italia con l’inviata Rai Alessandra De Stefano

Appuntamento nell'Aula Magna dell'Università di Sassari per ripercorrere assieme alla cronista la gloriosa storia di uno sport - il ciclismo - e di una corsa, il Giro d'Italia, che dal 5 maggio vivrà proprio nel Nord Sardegna la svolta del 100° compleanno

L’inviata di Rai Sport Alessandra De Stefano sarà ospite dell’Università di Sassari mercoledì 3 maggio nell’ambito dell’incontro “Giornalismo, donne e sport”. Appuntamento in Aula Magna alle 11.00 per ripercorrere assieme alla cronista la gloriosa storia di uno sport – il ciclismo – popolare per eccellenza nel senso più genuino del termine, e di una corsa, il Giro d’Italia, che dal 5 maggio vivrà proprio nel Nord Sardegna la svolta del 100° compleanno. Con un’ombra: la morte del campione Michele Scarponi. “C’è un prima e un dopo il 22 aprile – dichiara Alessandra De Stefano – Perché lui non era uno qualunque. Era un protagonista che incarnava tutti i valori di questo sport”. Con la sua simpatia travolgente, “Michele Scarponi manca a tutti e durante questo Giro d’Italia si sentirà che il Capitano non c’è. L’atmosfera di grande festa che il Giro porta ovunque vada non potrà non risentirne”.

Si partirà da qui il 3 maggio per raccontare l’esperienza di una giornalista che ha realizzato la passione di bambina ed è riuscita ad affermarsi in un mondo inizialmente connotato al maschile. L’evento è organizzato dall’Università di Sassari – Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione (Pol.Com.Ing), in collaborazione con il Cus Sassari (Centro Universitario Sportivo) e l’Associazione Scienze Politiche.

L’incontro sarà moderato dal Giornalista Gianni Garrucciu, già caporedattore Rai, e prevede gli interventi del Rettore Massimo Carpinelli, del Delegato rettorale allo Sport Salvo Mura, della Direttrice del Dipartimento Pol.Com.Ing. Antonietta Mazzette, del Presidente del CUS Nicola Giordanelli, del Presidente dell’Associazione Scienze Politiche Giovanni Antonio Suzzarellu. Coordinano Rosario Cecaro e Francesca Casu.

2 maggio 2017