Alghero incontra Londra

Proseguono le azioni dell'amministrazione comunale mirate al rafforzamento della destinazione e al consolidamento della città di Alghero in campo turistico con la costruzione di reti internazionali. E' la volta di Londra e dell'Inghilterra

Sardinia Extravaganza Alghero incontra Londra | London Meets Alghero” è il titolo del progetto nato dalla collaborazione tra il Comune e la Fondazione Alghero, il Theatralia Jazz Festival di Londra, JazzAlguer – mùsica per tots, il Poco Loco Club e il Pizza Express Soho di Londra, con il supporto di EasyJet e della Sogeaal. L’iniziativa, che segue la fortunata campagna di marketing e comunicazione realizzata in occasione della ripartenza del volo Vueling con Barcellona e la Spagna, nasce con l’obiettivo di creare un ponte, attraverso la musica jazz e l’arte più in generale, tra Sardegna e Gran Bretagna, tra Alghero e Londra, sul quale far leva per rafforzare la promozione del territorio e consolidare l’immagine di Alghero come destinazione turistica tutto l’anno. Nel solco della creatività e della cultura così, Alghero prosegue ad intessere e creare reti strategiche tra città d’arte e alleanze internazionali. “Sardinia Extravaganza” prevede due tappe, la prima dal 26 settembre ad Alghero, la seconda dal 13 al 15 novembre nell’ambito del Theatralia Jazz Festival diretto dall’artista Jazz Filomena Campus, presso lo storico jazz club londinese Pizza Express di Soho.

Alghero incontra Londra. A partire dal 26 settembre la Riviera del Corallo ospiterà un press trip dedicato a giornalisti della stampa inglese specializzata in visita in città. Si tratta di Jazz FM, la principale radio Jazz in Uk con una media certificata di 700mila ascoltatori a settimana; Jazz in Europe, il portale web in lingua inglese dedicato alla scena europea Jazz & Blues; Jazzwise, il mensile di jazz più venduto nel Regno Unito e la principale rivista di jazz in lingua inglese in Europa. Il 27 settembre il Poco Loco presenterà il primo incontro musicale tra Londra e Alghero attraverso i concerti di due formazioni jazz di altissimo livello: da Londra il duo Black Top del vibrafonista Orphy Robinson e del pianista Pat Thomas e il Duo Salvatore Maltana & Marcello Peghin. I Black Top sono musicisti pluripremiati e di fama internazionale, il loro virtuosismo si esprime in una performance che combina l’elettronica con le loro radici afrocaraibiche, e in una spontaneità’ che ricorda la sperimentazione del free jazz. Le loro esibizioni sono riconosciute come vibranti jam session improvvisate e hanno collaborato con artisti come Steve Williamson, Shabaka Hutchens e Jason Yarde, il vocalist Cleveland Watkiss, il suonatore di corno Claude Deppa e il trombettista Byron Wallen. Il duo ha pubblicato due album #Black Top N°1 e N°2 con i sassofonisti Evan Parker e Steve Williamson. Il Guardian definisce il loro progetto: “improvvisazione tagliente, senza compromessi, piena di lirismo e ritmi avvincenti”. La loro arte si incontra con quella dei musicisti algheresi Salvatore Maltana (contrabbasso) e Marcello Peghin che proporranno brani prevalentemente originali con nuances dal sapore mediterraneo ma con influenza della musica afro-americana, folk e brasiliana.

London meets AlgheroLa seconda parte dell’iniziativa si svolgerà a Londra dal 13 al 15 novembre, nell’ambito del Theatralia Jazz Festival diretto dall’artista Jazz Filomena Campus, presso lo storico jazz club londinese Pizza Express di Soho. Il 13 novembre, il pubblico jazz di Soho potrà ascoltare l’arte del duo sardo di Marcello Peghin e Salvatore Maltana accompagnati dalla vocalist Marta Capponi che si unisce al duo come ospite speciale. A seguire, il mago della voce e stella del jazz britannico Cleveland Watkiss. Il 14 novembre sarà invece protagonista il quartetto di Filomena Campus con la vibrafonista Jackie Walduck. Ad apertura del festival, un momento di presentazione dedicato alla città di Alghero: in vetrina le sue peculiarità culturali, artistiche ed enogastronomiche.

BIO ARTISTI 27 settembre 2018

ORPHY ROBINSON : Vibrafonista e polistrumentista,  le avventure musicali di Orphy Robinson spaziano dal jazz, all’ improvvisazione, al Brit-funk, reggae, alla creazione di album per il Blue Note, una rielaborazione di A Love Supreme, e collaborazioni con Robert Wyatt, Nigel Kennedy, Don Cherry, Hieroglyphic Being e molti altri.

Ha ricevuto nel 2017 il premio per il Concerto dell’anno  nella categoria “Spettacolo dal vivo dell’anno” ai Jazz FM Awards 2017 con il suo acclamato Bobby Hutcherson All stars Songbook Concert realizzato come tributo al leggendario vibrafonista jazz americano. Nel 2018, Robinson è stato inoltre insignito dell’onorificenza Member of British Empire MBE nella Lista dei Riconoscimenti del compleanno della Regina per il proprio impegno musicale.

PAT THOMAS : Giocatore impavido e intransigente, Pat Thomas è un maestro dell’improvvisazione e del free-jazz, riconosciuto come uno dei pianisti più straordinari del Regno Unito. Ha vinto il prestigioso Paul Hamlyn Composers Award nel 2014.

SALVATORE MALTANA: Algherese, contrabassista e compositore arrangiatore formatosi presso i seminari di Nuoro Jazz e Siena Jazz, ha suonato con i maggiori artisti della scena nazionale e internazionale tra i quali  Enrico Rava, Paolo Fresu, Flavio Boltro, Dado Moroni, Roberto Gatto,  Django Bates, Jesse Van Ruller, Pierre Favre, David Linx, , Mark Harris, Juarez Moreira , Emanuele Cisi, Peter Bernstein, etc.  Dal 2003 è insegnante di Contrabasso e Basso Elettrico nei seminari invernali di Nuoro Jazz diretti da Paolo Fresu. Dal 2017 è il coordinatore artistico del festival JazzAlguer Mùsica per Tots.

MARCELLO PEGHIN : Algherese, chitarrista, ha coltivato sin dall’inizio della sua attività un forte interesse sia per la musica improvvisata che per quella classica . Le sue collaborazioni spaziano dal jazz alla musica etnica e world music, con incursioni nel mondo del teatro del cinema e della danza. Con il Tangram Trio vince il 1° premio al concorso internazionale dell’ improvvisazione di Poitiers ( Francia 1995) e suona al free music festival di Berlino e al fest. Jazz di Tokio (1992) Vince il 1° premio al concorso nazionale jazz di S.Anna Arresi (1988) e menzione speciale allo stesso concorso nel 1992.  Dal 1988 ad oggi svolge con diverse formazioni attività concertistica a livello internazionale.  Ha scritto, suonato e diretto la colonna sonora del film “Chi Salverà le Rose” di Cesare Furesi.

21 settembre 2018