“Més que un Mes, ritorno d’immagine importante per Alghero”

“Aver rinnovato la formula del Cap d'Any non limitandoci alla sola notte del 31 dicembre, ma allungando l'offerta con l'anteprima mondiale della Fura dels Baus, ha dato i suoi buoni frutti" - hanno dichiarato dall'amministrazione nel corso della conferenza conclusiva di “Més que un Mes"

Più di 100 eventi hanno caratterizzato “Més que un Mes 2018 – 2019” iniziato il 27 novembre con la piece teatrale di Antonio Marras e conclusosi il 2 febbraio con la premiazione del concorso “Lo Presepi de l’Alguer” nel corso di un concerto che ha visto la partecipazione di tredici corali nella Cattedrale di Santa Maria. Oltre 150 mila il totale dell’affluenza stimata in tutti gli eventi in programma per un edizione caratterizzata dalla presenza di attrazioni come il villaggio di Babbo Natale, il Luna Park al porto con la pista di pattinaggio sul ghiaccio e il presepe contemplativo sonoro in movimento “Letizia dal cielo”.

Tra gli eventi di punta La Fura dels Baus e il Dee Jay Time, il 30 e 31 dicembre, hanno totalizzato circa 60mila presenze, il Luna Park Matherland al porto oltre 20mila presenze, il Villaggio di Babbo Natale 16mila presenze, il Presepe “Letizia dal cielo” di Padre Rino Zunnui oltre 33 mila presenze.

Dati importanti arrivano dal web con un totale che supera i 3 milioni di visualizzazioni degli oltre 500 contenuti pubblicati sui canali ufficiali di Alghero Turismo ( Facebook, Instagram e Twitter ) che hanno totalizzato più di 130mila interazioni.  I contenuti più visti sono stati il video di presentazione che ha raggiunto più di 175mila persone, il presepe “Letizia dal cielo” e gli arredi urbani hanno raggiunto più di 234 mila persone, la Fura dels Baus con oltre 137mila persone raggiunte. Le foto più cliccate e condivise sul web sono state le installazioni urbane ( Luce di Coralli, eLuceFu, Arcorallo e Maria ) e i presepi.

Presenti alla conferenza stampa il Sindaco Mario Bruno, la Vice Sindaca e Assessora alla Cultura Gabriella Esposito, il presidente della Fondazione Alghero Massimo Cadeddu, il Cda della Fondazione Alghero Renata Fiamma e Dario Pinna. “Aver rinnovato la formula del Cap d’Any non limitandoci alla sola notte del 31 dicembre, ma allungando l’offerta con l’anteprima mondiale della Fura dels Baus, ha dato i suoi buoni frutti – hanno evidenziato i rappresentanti di Comune e Fondazione Alghero – Un ritorno di immagine della città che non si limita al solo capodanno. Alghero si conferma “Il Capodanno di Sardegna”.”

22 febbraio 2019