Tirrenia – Sardegna: in un mare agitato di polemiche

Dopo qualche settimana di ritardo sono state presentate questa mattina ad Assemini le nuove maglie rossoblù. Colpo di scena: la Tirrenia sarà il nuovo co-main sponsor del Cagliari Calcio per i prossimi 2 anni. La scritta della compagnia di navigazione appare sotto quella colorata della Sardegna sulla nuova maglia del Cagliari, griffata Kappa. La scelta di questo accoppiamento sta già facendo discutere: è dall’estate precedente che Tirrenia e Regione combattono per la continuità territoriale. Un distacco che ha portato Viale Trento alla creazione di una propria flotta divenuta il principale competitor dell’azienda di Vincenzo Onorato.

L’inatteso binomio fa inoltre storcere il naso ai tifosi che hanno già preso d’assalto i social network per manifestare tutta la loro disapprovazione. Il motivo principale sta nel fatto che la sede della compagnia di trasporti marittimi sia Napoli, città e squadra che non godono di particolari simpatie nel capoluogo sardo. Il presidente Massimo Cellino si è così espresso durante la conferenza stampa di presentazione delle nuove maglie: “Non voglio dare giudizi su queste polemiche, noi andiamo d’accordo con la Regione, ma siamo anche onorati del fatto che un privato ci abbia scelto per portare il suo luogo puntando su una società, come la nostra, pulita e fuori dagli scandali”. Sicuramente sarà una boccata d’ossigeno per le casse della società che, a dir la verità, l’anno scorso, non prese un euro di sponsorizzazione per la scritta ‘Sardegna’ sulla maglia.

Nel frattempo, dalla Regione, arrivano le prime dichiarazioni da parte dell’Assessore dei Trasporti Cristian Solinas che ha commentato l’accordo commerciale tra Cagliari Calcio e Tirrenia: “Non si compra la dignità di un Popolo con una sponsorizzazione. E’ vergognoso che qualcuno possa ancora pensare di carpire il favore dei sardi con queste operazioni di bassa lega. Quel logo rappresenta per noi Sardi l’emblema delle vessazioni e delle prevaricazioni che lo Stato e la sua ormai ex Compagnia hanno perpetrato per anni sulle nostre spalle, non ultima la vicenda della privatizzazione avvenuta in totale contrasto con i diritti della Regione. L’accostamento del logo Tirrenia alla maglia rossoblù – ha concluso l’Assessore – è di pessimo gusto anche sotto un profilo squisitamente sportivo. Abbiamo ancora tutti ben in mente il trattamento riservatoci dai napolatani il 15 giugno 1997 in occasione dello spareggio salvezza tra Cagliari e Piacenza, certe cose non si lavano con trenta denari di sponsor”.

24 agosto 2012