“Gazzosa beach” abusivo: struttura sequestrata a Platamona

A nulla sono valse le giustificazioni addotte dal rappresentante legale della società che gestisce la struttura, un sassarese di 53 anni.

I carabinieri di Porto Torres, dopo un’attività investigativa inserita in un quadro generale di contrasto all’abusivismo edilizio, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di una struttura costruita in zona sottoposta a vincolo paesaggistico.

Circa un anno fa i carabinieri avevano dato il via allo studio delle licenze e delle autorizzazioni che la struttura commerciale “Gazzosa Beach” possedeva e fin da subito sono state riscontrate alcune anomalie: una costruzione a palafitta, in legno e metallo, adibita a bar, con veranda annessa, edificata sul suolo demaniale, tra l’altro in un’area sottoposta allo strettissimo vincolo di tutela del paesaggio.

A nulla sono valse le giustificazioni addotte dal rappresentante legale della società che gestisce la struttura, un sassarese di 53 anni, che è stato denunciato per i reati previsti dalla normativa di settore ed in particolare per aver realizzato la citata struttura abusiva, senza autorizzazione ed in una zona sottoposta al vincolo paesaggistico.

I Carabinieri  hanno così apposto i sigilli al “Gazzosa Beach”, che rimarrà sequestrato in attesa che le autorità preposte prendano i provvedimenti volti al ripristino della legalità.

8 ottobre 2014