“Centro Residenziale Anziani, la riflessione è d’obbligo”

L'opinione di Donatella Marino, consigliere comunale

Trattasi proprio di “Storia Infinita” quella che vede gli anziani della nostra citta’ vivere i gravi disagi di una struttura , come più volte ribadito, nata e destinata a ben altro servizio. In un recente articolo il Sindaco difendeva la Sua scelta invitando “qualche Consigliera” a porre fine ai suoi interventi aventi lo scopo di denunciare la inadeguatezza dell’Ostello della Gioventù” trasformato in men che non si dica in “ felice residenza per gli anziani”.

A nulla è valsa la rumorosa protesta di chi ha gridato allo scandalo per l’indecente decisione, come nessuna risposta è stata data a chi chiedeva di “veder la relazione del RSPP ( il responsabile della sicurezza e prevenzione della struttura di Viale della Resistenza) . E vogliamo parlare della Relazione Tecnica prodotta dai diversi Ingegneri incaricati dal Comune?  Orbene questa premessa per dire che mi accingo a denunciare uno stato di gravità inaudita per quello che sta accadendo all’Ostello della Gioventù ( perché tale rimane) . E’ notizia di queste ore che all’Ostello siano rimasti senza Gas e senza riscaldamento ( già i bagni erano sprovvisti di riscaldamento) .

Chiedo a tutti coloro che ancora cercano di giustificare una siffatta scellerata scelta di recarsi a verificare che, quanto suddetto, non è certo mera “propaganda pre- elettorale” . Chiedo ai Consiglieri che tanto hanno magnificato questa scelta come” l’unica e possibile”, e a quelli che si sono assentati per non prendere posizione contro la sparuta maggioranza , di prendere atto delle condizioni in cui gli anziani stanno affrontando i rigori di una stagione che ha già dato segnali difficili da gestire.

Qualcuno si è recato all’Ostello nei giorni in cui la pioggia ha costretto gli anziani a restare per intere giornate nella camera in cui dormono in sei? Perché non si ascoltano i familiari quando denunciano lo stato di grave disagio in cui sono costretti a vivere i loro anziani? Mi chiedo se non sia il caso che, da parte di tutti coloro che hanno responsabilità e ruoli definiti , ci si debba fermare a riflettere. Si pensa davvero che le condizioni in cui gli anziani stanno affrontando, in una struttura palesemente inadeguata , i rigori della stagione invernale , siano buone e accettabili condizioni?  E allora la riflessione è d’obbligo. Non si può fare campagna elettorale sulla pelle degli anziani che, seppur in diverso modo, hanno tutti contribuito a scrivere la Storia della nostra città. Dal loro esempio ci viene l’insegnamento per il rispetto di quei valori che la politica oggi pare aver dimenticato.

Donatella Marino, 7 novembre 2018