Uno scimpanzé di 200 chili le strappa via gli occhi e le mani. Ora chiede un risarcimento

L'animale la aggredisce e le strappa via naso, labbra, occhi e mani. Ora Charla Nash è costretta all'infermità.

La storia di Charla Nash ha dell’incredibile. La donna ha subito un trapianto di faccia dopo che lo scimpanzé che aveva in casa l’ha aggredita strappandole naso, labbra, occhi e mani. La storia risale al 2009 quando la donna, allora 55enne, va a casa dell’amica Sandra Herold, anche quest’ultima residente nel Connecticut (USA), per aiutarla a riportare in casa “Travis” uno scimpanzé di 14 anni che la Herold tiene in casa a mo’ di “animale domestico”. L’animale, dal peso di 200kg circa, vive come un essere umano: si veste, guarda il baseball, beve vino dal bicchiere e apre le porte di casa con la chiave. Ma quel giorno Travis non vuole essere disturbato, quando vede carla le salta addosso sfigurandola per sempre. Solo l’intervento della polizia  – che uccide la bestia – ferma Travis. L’agente riesce gli mentre l’animale cerca di aprire l’auto della polizia.

Charla resta in fin di vita e dopo circa 30 interventi è rimasta cieca e senza le mani. La propietaria dell’animale – che nel frattempo è morta – ha rimborsato la Nash con circa 4 milioni di dollari di indennizzo ma la donna ora ne chiede altri 150 allo stato del Connecticut perché non avrebbe vigilato sulla presenza di un animale selvaggio.

Tratto da www.fanpage.it ©

Redazione, 23 marzo 2014