Università delle Tre Età, il bilancio di un “anno straordinario”

L’istituzione ha registrato numeri da record con un aumento del 30% delle iscrizioni che vanno a confermare il gradimento e l'ottimo livello dei Programmi e delle Attività proposte agli studenti

Un’annata da incorniciare quella 2018/2019 per l’Università delle Tre Età di Alghero. L’istituzione ha registrato numeri da record con un aumento del 30% delle iscrizioni che vanno a confermare il gradimento e l’ottimo livello dei Programmi e delle Attività proposte agli studenti.

Significativa anche la partecipazione ai Corsi Collaterali di giovani che hanno trovato risposte ai loro bisogni di formazione e di aggiornamento sia nell’ambito delle lingue straniere quanto dell’informatica.

Le Conferenze e le lezioni  per l’intero anno  accademico hanno registrato la presenza di Professori, Docenti Universitari, Liberi Professionisti ed esperi nei diversi ambiti culturali nonché  artisti, scrittori e saggisti.

Molto partecipati i 12 corsi collaterali proposti: 700 ore di lezione garantite nei seguenti ambiti :  lingua inglese e spagnolo tenuti da Insegnanti di madre-lingua ,  molto partecipati anche  il corso di cucito creativo, composizione gioielli e pittura che vanno ad aggiungersi ai tradizionali corsi di informatica, pittura, teatro, canto, comunicazione e giornalismo. Senza dimenticare il corso di attività motoria e  ginnastica dolce.

Insomma un anno davvero ricco di soddisfazioni per il direttivo dell’Ute, del suo Padre Spirituale Don Giampiero Piras  , della Presidente Marisa Castellini , del suo Direttore  e collaboratore Sebastiano Gullo che, sempre nel nome e nel ricordo  di Monsignor Corrias,  fondatore di questa istituzione, portano avanti il Progetto che, come finalità irrinunciabile, vede nella cultura e nella condivisione partecipata , la possibilità di garantire una miglior qualità della vita.

La Programmazione prevede l’organizzazione di viaggi sia in territorio regionale, nazionale e in Europa con il fine di confrontarsi con realtà, culture e storia diverse. Si privilegiano le escursioni nell’intera Sardegna al fine di completare la conoscenza della nostra Storia. L’anno accademico 2018/2019 si è chiuso con il viaggio in Friuli Venezia Giulia – Slovenia e Croazia.

Quanto sopra è da ricondurre ad un più alto significato che l’Università conferma con il suo Programma . Fare incontrare le persone e condividerne la storia personale e familiare, creare momenti il cui il confronto è arricchimento prestare ascolto ed attenzione ai bisogni di chi vuole ancora essere protagonista della quotidianità. Gli adulti rappresentano il collegamento tra il passato e il futuro quello che vogliono far costruire dai giovani ai quali intendono passare un testimone importante , quello dei valori  con i quali loro , gli anziani, hanno contribuito a scriverne la Storia, la nostra storia. Ora è tempo di godersi l’estate , le porte dell’Università delle Tre Età  di Alghero non si chiudono per le ferie, perchè stiamo  lavorando per predisporre il Programma per l’anno accademico 2019-2020. Con i nostri studenti e la nostra collettività ci rivedremo a breve, a Settembre.

A tutti, Buona Estate.

La Presidente – Dott.ssa Marisa Castellini

18 luglio 2019