Turismo, Enit premia guida sulla Sardegna

'Sardinien, 46 Wanderrouten', ossia ‘Sardegna, 46 sentieri’, sarà la guida premiata a Francoforte in occasione della 22esima edizione del prestigioso riconoscimento Enit dedicato ai migliori prodotti editoriali sull’Italia turistica, pubblicati di recente in Germania, Austria e Svizzera.

l_paesaggio-sardegna

‘Sardinien, 46 Wanderrouten’, ossia ‘Sardegna, 46 sentieri’, è la guida scritta da Lisa Dell, Petra Grom e Inés Richter che questa sera sarà premiata a Francoforte in occasione della 22esima edizione del prestigioso riconoscimento Enit dedicato ai migliori prodotti editoriali sull’Italia turistica, pubblicati di recente in Germania, Austria e Svizzera. La giuria di rappresentanti del Consolato d’Italia, Enit, tour operator, Alitalia e giornalisti, consegnerà il premio all’assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Francesco Morandi. La cerimonia si svolgerà nel corso della Fiera del Libro di Francoforte, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Berlino, e rientra nel piano promozionale che Enit riserva a editoria, operatori turistici, giornalisti e blogger di lingua tedesca che promuovono l’Italia.

Nel 2016 l’attività promozionale della Regione nei mercati-obiettivo di lingua tedesca è stata intensa e capillare: innanzitutto attraverso una campagna di comunicazione ‘mirata’. E con ben cinque appuntamenti sul territorio: Caravan Motor Tourism di Stoccarda, Boot, fiera del turismo nautico, di Dusseldorf, F.re.e di Monaco di Baviera, cinquantesima Borsa internazionale di Berlino e Imex, principale appuntamento europeo di turismo congressuale, a Francoforte. Ora riprende proprio dalla città sul Meno, grazie alla collaborazione con l’Enit: “Un appuntamento – dice l’assessore Morandi – che segna il successo di un prodotto di qualità che promuove l’offerta di turismo attivo, in particolare trekking e sentieristica, in Paesi nei quali il segmento è una grande attrazione. Non a caso, è uno degli asset su cui stiamo strutturando l’offerta regionale”.

I Paesi di lingua tedesca sono il bacino di flussi più numeroso per l’isola. La Germania è il riferimento più importante nei mercati internazionali. La crescita dei tedeschi è costante: si è passati da 1,130 milioni di presenze nel 2012 a 1,270 milioni nel 2013 (+11%), quindi a 1,375 milioni nel 2014 (+8%), sino 1,555 milioni l’anno scorso (+13%). Quanto agli altri due Stati nei quali sarà diffusa la guida, la Svizzera è il terzo mercato internazionale per la Sardegna, dietro la Francia, con 84 mila500 arrivi e quasi 700 mila presenze nel 2015. Mentre l’Austria è il sesto, con 227mila presenze. Dai Paesi di lingua tedesca le strutture ricettive sarde hanno ricevuto quasi due milioni e mezzo di presenze, un contributo fondamentale alla crescita del turismo sardo: più 18 per cento nel biennio 2014-15. E il trend prosegue nel 2016. Le richieste principali, oltre al ‘classico’ turismo marino – balneare, sono rivolte proprio a turismo naturalistico e attivo: la Sardegna offre ambiente e clima ideali per soddisfarle entrambe grazie a temperature e condizioni meteo ottimali per 10 mesi l’anno.

18 ottobre 2016