Sanità, prestazioni territoriali: a Sassari confronto tra specialisti

La Società italiana di formazione permanente per la medicina specialistica organizza a Sassari un confronto tra specialisti ambulatoriali. Al centro del dibattito, il ruolo delle nuove Aggregazioni funzionali territoriali.

coma - generica

Assicurare una erogazione sempre più efficace delle prestazioni territoriali, dalla medicina generale all’assistenza infermieristica, dall’attività territoriale ambulatoriale a quella domiciliare. È l’obiettivo con cui nascono le Aggregazioni funzionali territoriali, le nuove forme organizzative monoprofessionali e interdisciplinari alle quali è dedicato il confronto tra specialisti ambulatoriali, in programma a Sassari tra oggi e domani. Organizzato dal Sumai, la Società italiana di formazione permanente per la medicina specialistica, l’appuntamento è fissato per questo pomeriggio alle 15 e per domani mattina alle 9 all’hotel Grazia Deledda di viale Dante.

Con il nuovo Accordo collettivo nazionale della specialistica ambulatoriale convenzionata, le Aft sono diventate realtà. Il loro ruolo può essere strategico per garantire continuità dell’assistenza mediante l’utilizzo della ricetta elettronica, l’aggiornamento costante della scheda sanitaria individuale informatizzata, l’assistenza territoriale per tutto l’arco della giornata e tutti i giorni della settimana, l’applicazione dei percorsi assistenziali condivisi e l’integrazione informatica tra le componenti della medicina convenzionata e la rete distrettuale e ospedaliera.

Riflettere su questi nuovi aspetti organizzativi e sui rapporti funzionali che questi hanno con l’organizzazione più complessiva delle attività e dei servizi distrettuali, diventa oggi urgente. Se ne discuterà con l’avvocato Guido Locasciulli, esperto in diritto sanitario, Francesco Losurdo, endocrinologo e presidente della Società italiana della formazione permanente, Antonio Magi, specialista e segretario generale del Sumai, Maristella Zanteteschi, sociologa dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e Paolo Patta, segretario provinciale del Sumai.

15 dicembre 2016