Invasione di ratti ad Alghero: tante le segnalazioni sul web

Il recente allagamento della città catalana ha senza dubbio contribuito all'invasione dei ratti che lasciano fogne e cunicoli per sfuggire alle abbondanti piogge in cerca di una nuova dimora. Ma la situazione è da tenere sotto controllo

Alghero invasa da topi e blatte. E’ quanto evidenziato sul web da tutti coloro che hanno commentato l’incredibile fatto di cronaca avvenuto nella notte tra venerdì e sabato alla Pietraia, dove una bimba è stata morsa nel sonno da un ratto entrato in casa (LEGGI). Tantissime le segnalazioni sulla presenza di grossi topi nelle vie cittadine, in particolar modo nella zona del centro. Il recente allagamento della città catalana ha senz’altro contribuito all’invasione dei ratti che lasciano fogne e cunicoli per sfuggire alle abbondanti piogge in cerca di una nuova dimora. I ratti di fogna, per chi ancora non lo sapesse, sono portatori di numerose malattie, molte delle quali possono essere trasmesse anche agli essere umani. Per questo motivo la situazione va sicuramente tenuta sotto controllo dall’amministrazione comunale.

«Siamo in fervida attesa che Sindaco, o qualche Assessore con poco pudore, dichiarino alla stampa che si tratta di ratti che l’Amministrazione di centrodestra che ha guidato Alghero fino al 2011 s’è dimenticata di uccidere» – ha detto sarcasticamente l’ex sindaco di Alghero Marco Tedde, commentando l’episodio accaduto la scorsa settimana. Sulla stessa lunghezza d’onda il consigliere comunale Maria Grazia Salaris: «questo episodio rappresenta e fotografa lo stato di degrado in cui versa la città e, anche se non è il caso di fare ironia, penso che Mario Bruno riuscirà a sostenere che si tratta di ratti di centro destra veri e propri..».

19 settembre 2016