«Figuraccia di livello internazionale per Pigliaru e la sua Giunta»

L'opinione di Stefano Campus, Presidente Òmnium Cultural de l'Alguer

Stefano Campus, Presidente Òmnium Cultural de l’Alguer, in una lettera indirizzata al presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru, commenta le recenti e «gravi» affermazioni pubbliche dell’Assessore Firino, che «considera il catalano di Alghero (l’algherese) una delle varianti della lingua sarda»

Ill.mo Sig. Presidente Le recenti affermazioni pubbliche dell’Assessore Firino, che considera il catalano di Alghero (l’algherese) una delle varianti della lingua sarda, non sono passate inosservate e per la loro gravità hanno esposto Lei, la Sua Giunta, tutti i sardi e gli algheresi compresi, ad una “ figuraccia” di livello internazionale. Non sono mancate infatti le osservazioni, oltre che le ilarità, da parte di autorevoli esponenti accademici, oltre che i commenti di migliaia di semplici cittadini, dei rappresentanti di associazioni come quella che ho l’onore di rappresentare, che avevano dato per assodato ormai da decenni che l’algherese rappresentasse una specificità linguistica e culturale. Se fosse stato un semplice cittadino a confondere il catalano di Alghero con la lingua sarda, nulla da dire; ma se questa assimilazione viene commessa dall’Assessore Regionale alla Cultura e Pubblica Istruzione con competenza per le Politiche Linguistiche, l’errore assume livello istituzionale ed evidenzia tutta la sua macroscopica gravità.

Riteniamo che non possano esserci delle attenuanti, poiché se l’errore fosse stato commesso involontariamente potrebbe dimostrare una grave incompetenza non giustificabile, se invece fosse una convinzione consapevole, allora la gravità assumerebbe ancor maggior rilievo. Gent.mo Presidente, in tutti i casi, noi algheresi ci sentiamo fortemente offesi dalle affermazioni dell’Assessore Firino e non siamo disposti a buttare alle ortiche anni di lavoro per la tutela della nostra specificità all’interno delle istituzioni, comprese quelle scolastiche, accademiche, politiche ed in particolare tutto il lavoro che giorno per giorno effettuiamo sul campo fra la gente. Siamo convinti che anche il Sindaco di Alghero sia rimasto “disgustato” dalle affermazioni dell’Assessore Firino e solo per rispetto istituzionale non ha sino ad oggi reagito pubblicamente; stesso stupore e incredulità siamo convinti lo hanno avuto le diverse associazioni culturali, operatori e cittadini che da numerosi anni lavorano per la tutela e valorizzazione del catalano di Alghero.

Ma riteniamo che maggiormente offeso deve sentirsi tutto il popolo sardo che non si sente tutelato nella sua identità; la Sardegna, infatti, ha necessità di difendere con autorevolezza la sua identità, che significa la sua specificità culturale, linguistica ma anche sociale, ambientale ed economica. Per questi motivi Le chiediamo che provveda alla nomina di un Assessore che con competenza ed autorevolezza sia in grado di tutelare e promuovere a tutti i livelli queste peculiarità della Sardegna, comprese quelle degli algheresi che si sentono parte integrante del Popolo Sardo.

Stefano Campus, 10 agosto 2015