Febbre del Nilo, zanzare infette ad Alghero

Al momento non esiste alcun caso sospetto nell’uomo di West Nile Disease in Sardegna

I tecnici dell’Istituto zooprofilattico della Sardegna hanno individuato due focolai di zanzare risultate infette dal West Nile Virus, la Febbre del Nilo, nella zona dell’aeroporto di Alghero. Si tratterebbe dell’unico caso di positività riscontrato in tutta la Sardegna.

Ieri si è svolto un vertice coordinato dal Dipartimento di prevenzione dell’Ats, al quale hanno preso parte gli esperti dell’Istituto Zooprofilattico, della Provincia di Sassari, i rappresentanti del Centro trasfusionale e dell’istituto di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliera universitaria, i responsabili dei presidi ospedalieri di Sassari e Ozieri e i veterinari del servizio di Sanità animale e dei medici del servizio di Igiene e sanità pubblica. Nel corso dell’incontro sono stati analizzati i dati acquisiti per attivare il “Piano integrato di sorveglianza e risposta per il monitoraggio e il contrasto della diffusione del virus” della Febbre del Nilo. Al momento non esiste alcun caso sospetto nell’uomo di West Nile Disease in Sardegna. Tutti i test effettuati nei centri trasfusionali hanno dato esito negativo.

Tra i consigli diramati dall’Ats per ridurre il rischio di trasmissione del virus, quello di proteggersi soprattutto al tramonto e all’alba (i momenti della giornata in cui le zanzare sono più attive), indossare indumenti a maniche lunghe e pantaloni, utilizzare repellenti per insetti e cambiare spesso l’acqua dei contenitori per animali in modo che non ristagni.

11 agosto 2018