“Estate di gravi carenze per il Nord Ovest della Sardegna”

Nota del Coordinamento di Fratelli d'Italia AN e Gioventù Nazionale Provincia di Sassari

“Estate di gravi carenze per il Nord Ovest della Sardegna”. E’ questo il titolo del comunicato stampa diffuso dal Coordinamento di Fratelli d’Italia AN e Gioventù Nazionale Provincia di Sassari per mano di Gianfranco Langella riguardo alle “croniche urgenze, ormai diventate emergenze che si scorgono minacciose lungo tutta la stagione estiva e che sembra perdureranno a lungo, a discapito dell’intero Triangolo produttivo di Porto Torres-Sassari-Alghero”.

Nella nota congiunta si sottolinea come “Accanto alla gravissima carenza di risorse idriche, che flagella indistintamente Allevatori e Agricoltori della Provincia di Sassari, si aggiungono le gravissime carenze dal punto di vista dei trasporti, messe a nudo dalla stagione turistica. Un gigantesco disavanzo separa infatti le infrastrutture Aeroportuali di Alghero da quelle di Olbia e Cagliari: l’aeroporto “Costa Smeralda” si è ormai vocato verso un’offerta commerciale crescente, parallelamente ad un programma di destagionalizzazione dei voli, entrambe le cose” Continua il comunicato “Sono totalmente assenti nell’aeroporto di Alghero, che sconta la disattenzione di una giunta regionale, reduce dal fallimento della strategia sulle “Low Cost” e di una giunta comunale che ormai vive, o meglio “sopravvive” in balia dell’immobilismo e della crisi di governo del territorio esplosa sin dal suo insediamento.

Da un’altra prospettiva” Ribadisce la nota “Si nota come la nomina dell’Ex assessore Deiana all’autorità portuale non ha che confermato le nostre aspettative, se l’aeroporto della “Riviera del Corallo” attende infiniti piani di rilancio e il Porto Turistico ed industriale di Porto Torres sembra destinato all’annichilimento per una non meglio precisata strategia di sviluppo economico, il Porto di Cagliari cresce a gonfie vele e con ottime aspettative per il futuro, favorite in parte da una miope politica regionale, tutti benefici da cui l’ex Triangolo Industriale e produttivo, sembra ormai perennemente escluso, ormai boccheggiante e asfissiato da una crisi che si avvia a festeggiare il suo decimo compleanno, nell’indifferenza generale”.

17 giugno 2017