«Cari consiglieri, vi spiego i risultati prodotti in un anno di conduzione dell’Assessorato all’ambiente»

L'opinione dell'assessore Raniero Selva

Ringrazio i consiglieri Camerada, Pais e Pirisi per l’opportunità offertami per spiegare in modo esaustivo la consistente mole di lavoro svolta e i risultati prodotti in questo anno di conduzione dell’Assessorato all’ambiente. Pur nella difficoltà ereditata dall’Amministrazione Tedde, il Parco di Porto Conte e l’Area Marina Protetta sono oggi pienamente operative, capaci di attrarre importanti risorse per programmare azioni ed interventi finalizzati a produrre benefici al sistema economico e turistico. A breve si interverrà sulla Grotta Verde, grazie ad un finanziamento della Regione di 850 mila euro, da impiegare per ultimare gli interventi necessari e rendere finalmente fruibile il sito di grande valenza turistica; in arrivo ulteriori 700 mila euro da Ministero dell’Ambiente per il completamento delle bonifiche nella zona di Mugoni colpita dall’incendio nel settembre 2015. E ancora, finanziamenti ministeriali: 787 mila euro per lavori di messa in sicurezza della falesia di Punta Giglio, la cui zona marina sottostante è interessata da ordinanza di interdizione della Capitaneria di Porto.

È in corso una proficua interlocuzione con il Ministero dell’Ambiente per la gestione unificata del Parco di Porto Conte e dell’Area Marina Protetta Capo Caccia Isola Piana. Da alcuni giorni e per tutto il periodo estivo sarà possibile visitare la Torre di San Giacomo. Gli operatori dell’Area Marina Protetta svolgeranno una costante azione di informazione e divulgazione riguardante non solo l’A.M.P. “Capo Caccia – Isola Piana” ma l’intero territorio. Va aggiunta la riqualificazione della Torre Nuova di Porto Conte, interessata da lavori finalizzati all’apertura di un centro informazioni ed espositivo che arricchirà l’offerta dell’AMP. Una lunga serie di attività e programmi da parte delle due realtà, Area Marina e Parco di Porto Conte, quest’ultimo impegnato non solo nella realizzazione dell’importante manifestazione Emozioni di Primavera ed Estate al Parco, ma attivo come non mai nella fusione con le borgate e la città, attraverso una infinita serie di collaborazioni e partnership che arricchiscono l’offerta turistica e culturale.

Il Parco di Porto Conte, sotto la gestione di Forza Italia era diventato uno “stipendificio” per il cda. Le cose sono cambiate: nel corso di questi anni sono stati risparmiati 450 mila euro di stipendi, retribuzioni esclusive del Cda, di cui faceva parte il fratello dell’attuale consigliere Camerada. In quel periodo furono licenziati circa una decina di dipendenti per essere sostituiti da altrettanti con un sistema clientelare. Grande produzione di pubblicazioni, ancora sotto la polvere della sede di Casa Gioiosa, affidamenti ad amici di progettualità senza alcun risultato.  Sperpero di denaro mai visto, alla faccia delle accuse che ci vengono rivolte su presunto “sperpero di denaro”. Le borgate: mai coinvolte in passato, che attraverso “Emozioni di Primavera” hanno goduto di un finanziamento e un’attenzione mediatica e promozionale che prima nessuno aveva mai rivolto. Sulla promozione affidata ad una ditta con un bando pubblico su Mepa, è da sottolineare, purtroppo, l’assenza di imprese locali, che non hanno partecipato. E ancora, Emozioni di Primavera, nella sua prima edizione, certamente migliorabile, ha visto finalmente il Parco aprire le porte alla città e ai turisti il sabato e la domenica, con l’inaugurazione di un importante museo con le opere di Elio Pulli,; inoltre,  con l’arricchimento dell’offerta, entro il mese di ottobre, con due musei, uno  multimediale dell’Area Marina e uno sulla storia di Saint Exupery.

Non solo, i numeri contraddicono nettamente le affermazioni dei consiglieri di Forza Italia: Emozioni di Primavera ha registrato ben 24 mila visitatori. Un numero considerevole, specialmente se confrontato con la media annua dei visitatori del Parco, che dal 2008 fino al 2012 si attestava su circa 1.300/1500 visitatori annui. Inoltre, dal 2000 fino al 2007 il Parco di Porto Conte ha ricevuto finanziamenti pari a 1.700.000 euro, con nessuna attività di rilievo se non quella del pagamento degli emolumenti al cda in cui era presente dal 2004 al 2007, il sunnominato fratello del consigliere Camerada.  Per quanto riguarda i risultati dell’educazione ambientale, si è passati da una media di 4.000 studenti ( periodo 2008 – 2015) ad avere nel 2017 oltre 10.000 studenti. Sugli slanci “farneticanti” del sottoscritto sulla posidonia spiaggiata, si precisa che è in via di attuazione un progetto pilota con Università e Regione.  Si attiverà infatti entro l’anno la rimozione dei cumuli per liberare l’arenile dalla presenza delle cosiddetta paglia marina. Finalmente facciamo ciò che in dieci anni di governo di Forza Italia non si è fatto. Come mai?

Sui risultati ottenuti dal servizio di igiene urbana, a parlare sono i dati. Certamente non inventati dal sottoscritto ma frutto del risultato del lavoro svolto dall’impresa e dagli uffici comunali. È sotto gli occhi di tutti il miglioramento qualitativo del servizio, costantemente in crescita per quanto riguarda la raccolta differenziata, che vedrà partire il servizio porta a porta nel mese di ottobre. Accuse ingenerose e fuori luogo, quelle provenienti da Forza Italia, a cui rivolgo un sincero appello affinché eviti di scrivere libri sulla remota bontà del loro lavoro svolto: possiamo riuscire a raggiungere la percentuale di raccolta differenziata anche senza buttare al macero una così alta quantità di carta.

Raniero Selva, 4 agosto 2017