Barcellona, 14 morti. Tra le vittime anche due italiani. Nella notte un nuovo attacco

Il bilancio dell’attentato terroristico compiuto ieri pomeriggio sulla Rambla, a Barcellona, è di 14 morti e oltre 100 feriti, otto dei quali versano in gravi condizioni. Nella notte un’auto tenta una nuova strage a Cambrils, città costiera poco distante dalla capitale catalana

Dopo le stragi di Londra, Parigi, Berlino e Nizza il terrore è tornato a colpire il cuore dell’Europa: stavolta nel mirino degli attentatori è finita Barcellona, una delle città più aperte e cosmopolite del vecchio continente, dove nel pomeriggio di ieri degli uomini alla guida di un van si sono fiondati a folle velocità sulla Rambla, la strada più frequentata dai turisti, quella che dal mare conduce ai bei palazzi del centro. Il bilancio all’alba di oggi, 18 agosto, è pesante ma ancora provvisorio: 14 sono i morti accertati e oltre cento i feriti, otto dei quali in gravissime condizioni. Come se non bastasse nel cuore della notte è toccato a Cambrils, città costiera a un centinaio di chilometri da Barcellona, vivere lo stesso incubo. Secondo i primi resoconti la polizia catalana avrebbe ucciso cinque terroristi che in un’auto si erano lanciati sulla folla. Gli uomini uccisi indossavano cinture esplosive, poi rivelatesi false, e solo la prontezza degli agenti ha evitato un’altra carneficina.

Il governo catalano ha confermato il bilancio diffuso dai media spagnoli nel corso della notte. L’attacco a Barcellona ha provocato 14 vittime. Tra queste ci sono una donna belga e 3 tedeschi, ma è stato confermato il coinvolgimento di due italiani (uno dei quali si chiama Bruno Gulotta). I feriti sono più di 100, 15 dei quali versano in gravi condizioni. Tre sono nostri connazionali. La polizia, che ha circondato e isolato la zona, ha invita cittadini e turisti a evitare l’area. Chiusa la stazione della metropolitana della vicina Plaça Catalunya.

Poche ore più tardi, intorno alle 2 del mattino, nella vicina Cambrils uomini che indossavano cinture esplosive si sono lanciati guidando un’Audi A3 sulla folla. Il bilancio è di sei civili e un agente di polizia feriti, mentre i cinque aspiranti terroristi sono stati uccisi nel corso di una sparatoria. Quattro di essi sono morti subito, mentre l’altro poco dopo a causa delle ferite riportate. Dopo aver investito i passanti, l’Audi si è scontrata con un veicolo dei Mossos d’Esquadra, la polizia regionale catalana, ed è iniziata la sparatoria.

Tratto da www.fanpage.it ©

Davide Falcioni, 18 agosto 2017