«Alghero non può essere citata o ricordata come la Città dei Commissari»

L'opinione di Alessansdro Nasone - consigliere comunale Alghero

Una seduta tesa e confusa, quella dell’ultimo consiglio comunale svoltosi ieri sera ad Alghero. Una seduta che ha messo in evidenza tutte le difficoltà e problematiche insite nella maggioranza che governa Alghero; che impediscono oramai di portare avanti serenamente il Governo di questa città.  Alghero non può essere citata o ricordata come la Città dei Commissari, loro sì simbolo di incapacità politica. Alghero ha la necessità di essere governata è questo può accadere solo attraverso un ritorno della Politica, quella vera, al ragionamento politico, al pensiero critico e collettivo.  Solo attraverso la Costituzione del Tavolo del Centrosinistra, dove è inutile negarlo il PD deve avere un ruolo centrale e propositivo insieme al Sindaco, garante  di tutte le forze politiche e civiche che si rifanno a quest’area. Solo così si può ritrovare quel l’energia che porterà quest’amministrazione a fine mandato. La ragione della mia decisione di votare Si al Consuntivo è questa.  L’apertura della discussione con l’azzeramento della giunta, con la rivisitazione del programma e di alcuni punti fondamentali da portare a conclusione è centrale come centrale, lo ripeto,  deve essere il ruolo del PD nella sua interezza. Alghero si  governa in 14 e questa è l’unica soluzione possibile.Personalmente non sono interessato a percorsi personali. Ho votato si perché penso che sia l’ultima possibilità per una ricostruzione del CentroSinistra e per un buon governo della nostra Città. Se la discussione che si aprirà nei prossimi giorni avrà un esito favorevole sono convinto che si apriranno scenari interessanti ed importanti che possano guidare Alghero al di là del 2019.

Alessandro Nasone, 13 settembre 2017