Alghero, gli educatori ambientali sono pronti ad entrare in azione

Agiranno in qualità di pubblico ufficiale con poteri di accertamento delle violazioni amministrative. Il raggio d’azione è ampio: abbandono incontrollato sul suolo di rifiuti di qualsiasi natura; conferimento dei rifiuti domestici ingombranti nel circuito di raccolta dei rifiuti urbani; deposito incontrollato sul suolo di rifiuti; conferimento nei contenitori per RSU di frazioni di rifiuti per le quali è istituita la raccolta differenziata; mancata rimozione delle deiezioni animali; abbandono e deposito incontrollato sul suolo di rifiuti pericolosi; conferimento dei rifiuti fuori dall’orario previsto.

Un ulteriore strumento che si aggiunge al processo di cambiamento in corso nel servizio di igiene urbana in città. Mentre si prepara l’avvio ufficiale del nuovo appalto con l’estensione graduale in tutti i quartieri della città delle nuove modalità di conferimento, dieci volontari si preparano ad incrementare le attività di promozione delle buone pratiche, prevenzione, vigilanza e controllo del coretto conferimento.  Da martedì 28 novembre, infatti,  saranno pronti ad entrare in azione integrandosi con le attività già in essere. Riceveranno alle 17,00 nella sala del Sindaco a Porta terra la qualifica di “Educatori Ambientali Volontari Comunali”, operante all’interno del territorio Comunale di Alghero, i quali agiranno nella qualità di Pubblici Ufficiali per contribuire al miglioramento del decoro urbano del territorio comunale e il miglioramento delle percentuali di raccolta differenziata.

Subito operative, le dieci unità agiranno in qualità di pubblico ufficiale con poteri di accertamento delle violazioni amministrative, a supporto della Polizia Locale, nell’ambito del presidio territoriale a garanzia dell’igiene ambientale. Il raggio d’azione è ampio: abbandono incontrollato sul suolo di rifiuti di qualsiasi natura; conferimento dei rifiuti domestici ingombranti nel circuito di raccolta dei rifiuti urbani; deposito incontrollato sul suolo di rifiuti; conferimento nei contenitori per RSU di frazioni di rifiuti per le quali è istituita la raccolta differenziata; mancata rimozione delle deiezioni animali; abbandono e deposito incontrollato sul suolo di rifiuti pericolosi; conferimento dei rifiuti fuori dall’orario previsto.

“I miglioramenti del servizio sono già ampiamente visibili in tutta la città – spiega l’Assessore all’Ecologia Raniero Selva – ma ora, con l’entrata a regime del nuovo appalto, si va verso la svolta decisiva.  L’istituzione dell’Educatore Ambientale è un valido strumento che insieme al prezioso lavoro svolto dalla Polizia Locale contribuisce all’innalzamento qualitativo del servizio e al raggiungimento degli obbiettivi che tutti auspichiamo per l’immagine della città”.

I volontari hanno svolto un apposito corso di formazione dopo aver partecipato all’avviso pubblico dell’Amministrazione comunale. Potranno segnalare alla Polizia Locale le violazioni alle norme riscontrate nel corso dell’attività di prevenzione e vigilanza. Lo sguardo è rivolto alla tutela dell’Ambiente e alla salvaguardia del territorio, attraverso il contrasto il fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti e il non conforme conferimento dei rifiuti da parte del cittadino a discapito della raccolta differenziata e del decoro urbano.

20 novembre 2017